Un ciclamino per far fiorire la solidarietà. Nella Giornata mondiale dei poveri una proposta per gruppi di adolescenti

Un ciclamino può aiutare persone in stato di bisogno? Certamente sì. E se lo fanno i più giovani, il gesto assume anche un significato più profondo. Una proposta congiunta tra la Pastorale Giovanile diocesana e la Cooperativa agricola sociale “Il Melograno” offre proprio questa opportunità.

 

La proposta

In vista della quinta Giornata mondiale dei poveri (GMP), che in tutto il mondo sarà celebrata domenica 14 novembre 2021, la P.G. diocesana rivolge un invito ai gruppi di adolescenti di Parrocchie (gruppi di cresimandi, cresimati, oratori) o scout. Sono tre le direttrici della proposta:

  • Grazie al locale gruppo Caritas, quando non direttamente con il parroco o il/la referente per la Carità, informarsi in merito alle situazioni di bisogno presenti nella propria comunità: entità del bisogno, tipi di necessità, lavoro già in svolgimento da parte della Caritas o della locale “San Vincenzo”, ecc. Con le dovute cautele, a salvaguardia della dignità e della riservatezza delle persone bisognose, questa fase serve a far conoscere ai più giovani le situazioni di povertà presenti a pochi passi dalle loro abitazioni.
  • Dedicare uno o più incontri di gruppo al tema della povertà, costruendo attività che partano dal Messaggio di Papa Francesco per la 5a GMP, intitolata «I poveri li avete sempre con voi» (Mc 14,7).
  • In accordo con il parroco, organizzare per domenica 14 novembre un banco fuori dalla chiesa (o fuori dall’oratorio) per la vendita di ciclamini provenienti dalle serre della Cooperativa “Il Melograno”. Il ricavato netto sarà devoluto alla locale Caritas o S. Vincenzo, a sostegno delle situazioni di povertà conosciute in precedenza.

Ogni variazione alla proposta è benvenuta: per esempio, assieme ai ciclamini si possono donare dei biglietti con frasi del Papa, oppure si possono organizzare momenti di animazione della celebrazione della Messa (preghiere dei fedeli, messaggio iniziale, ecc.).

 

Perché “Il Melograno”?

La Cooperativa sociale agricola “Il Melograno” di Reana del Rojale è nata per offrire delle opportunità di inserimento socio-lavorativo a persone con disabilità, dipendenze e/o disagio sociale. La Cooperativa, inoltre, è espressione del Centro Caritas dell’Arcidiocesi di Udine.

“Il Melograno” ricorre al lavoro della terra per promuovere azioni educative personalizzate, oltre che percorsi formativi e abilitativi al mondo del lavoro, che possano valorizzare le persone nella loro integrità, dando forza alle risorse personali, senza ignorare le fragilità di ognuno.

 

Come aderire alla proposta?

La Cooperativa “Il Melograno” mette a disposizione, fino a esaurimento, ciclamini di varie dimensioni, con diversi prezzi di costo. Previo accordo, la stessa Cooperativa cercherà di mettere a disposizione il trasporto dei ciclamini fino alla Parrocchia che desidera aderire alla proposta.

Il riferimento è la sig.ra Anna (cell. 3802661373), da contattare per: numero e tipo di ciclamini, trasporto, costo e pagamento dei fiori.

L’attività sul tema della povertà e il contatto con i locali volontari Caritas o S. Vincenzo restano di competenza dei singoli gruppi giovanili.

 

 

Vuoi condividere questo articolo?

Facebooktwittermail

Segui l'Ufficio di PG sui social

Facebooktwitteryoutubeinstagram