Padre Ermes Ronchi accoglie i giovani a Porzûs

Sabato 11 giugno la chiesa di Porzûs accoglierà i giovani che desiderano partecipare a un momento di pellegrinaggio e riflessione guidato da don Maurizio Michelutti e don Vittorino Ghenda, parroco di Porûs. L’appuntamento è previsto alle 16.00 nella chiesa parrocchiale. Interverrà padre Ermes Ronchi. La partecipazione è libera.

 

Il programma

Ore 16.00: Ritrovo in chiesa a Porzûs. Momento di preghiera guidata da don Maurizio Michelutti e animata dal coro giovanile di Castions.

Ore 16.30: Riflessione di padre Ermes Ronchi sul tema “Misericordia e perdono”.

Possibilità di confessioni durante tutto il pomeriggio.

Conclusione alle 18.30 circa, con consegna di un “segno” a tutti i partecipanti.

 

Chi è padre Ermes Ronchi?

Padre Ermes è un sacerdote friulano originario di Racchiuso di Attimis. Fa parte dell’ordine dei Servi di Maria (lo stesso ordine che regge il Santuario udinese della “Madonna delle Grazie”; anche padre Turoldo era un servita). Padre Ermes ora risiede in Lombardia, dove si dedica alla predicazione e alla scrittura. Recentemente è stato chiamato da Papa Francesco in qualità di predicatore agli esercizi spirituali della Curia Romana, cui ha preso parte lo stesso Santo Padre.

 

La località di Porzûs

La località di Porzûs è nota in Italia per un tragico fatto di sangue svoltosi tra il 7 e il 18 febbraio 1945, quando un aspro contenzioso tra i partigiani della brigata “Osoppo” e i partigiani appartenenti al PCI sfociò in una strage in cui furono uccise 17 persone.

Porzûs, però, è ricordato anche come luogo di culto alla Madonna de Sesule (Falcetto) per tre apparizioni della Vergine Santissima avvenute nel 1855 ad una bambina del luogo di nome Teresa Dush. Tali apparizioni sono suffragate da molte testimonianze storiche. È quindi luogo e meta di pellegrinaggi Mariani in un contesto naturalistico di rara bellezza, offrendo così ai visitatori, un oasi di pace sia alla mente e sia allo spirito.

Vuoi condividere questo articolo?

Facebooktwittermail

Segui l'Ufficio di PG sui social

Facebooktwitteryoutubeinstagram