L’estate 2020? Sui miracoli eucaristici. Anzi…

«Cristo vive!» recita il titolo dell’esortazione apostolica che Papa Francesco ha promulgato dopo al Sinodo sui Giovani. È il messaggio che la Chiesa trasmette da oltre 2.000 anni, un annuncio di speranza su cui si fonda la vita e la gioia di ogni cristiano.

Forse non sempre ci rendiamo conto che i contemporanei di Cristo non furono soltanto gli apostoli e gli ebrei che lo videro in carne e ossa, ma siamo tutti quanti noi. Oggi, nel 2019, siamo contemporanei di Dio. Perché davvero Egli vive e si rende presente in molteplici modi. Il più alto e sublime, che costituisce il «fonte e il culmine» della vita cristiana, è l’Eucaristia. In ogni celebrazione eucaristica si rinnova il miracolo più grande della storia: Dio stesso, l’onnipotente, si fa vicino, intimo, “cibo” per il suo popolo.

La fede in questo fatto non è semplice e, negli anni, anche molti santi hanno dubitato. Ma Dio stesso si è preso a cuore questi dubbi, fugandoli alcune volte in modo straordinario. È il caso dei miracoli eucaristici, inspiegabili episodi in cui le specie eucaristiche hanno dato vita… alla vita. Ostie tramutate in tessuti cardiaci, vino tramutato in sangue, pane eucaristico incorrotto dopo secoli e secoli: piccole manifestazioni di una grande Presenza, la stessa che – appunto – si rinnova anche nella più sgangherata celebrazione eucaristica.

La proposta estiva 2020

Questi episodi costituiranno il filo conduttore del tradizionale pellegrinaggio che l’ufficio diocesano di Pastorale Giovanile proporrà ad adolescenti e giovani durante l’estate 2020. La mèta saranno alcuni santuari dell’Italia centrale in cui si conservano ancora oggi reliquie eucaristiche oggetto di fede (e di numerosi studi scientifici).

Quando? Da lunedì 27 luglio a sabato 1° agosto 2020.

Destinatari sono adolescenti e giovani, dalla prima superiore conclusa.

Maggiori informazioni arriveranno nei prossimi mesi, ma – forti anche delle belle esperienze estive recenti, come «Per mille strade» o «Buona stoffa» – invitiamo fin da ora le Parrocchie a considerare seriamente la partecipazione a questa proposta nell’ambito della programmazione estiva per adolescenti e giovani.

Vuoi condividere questo articolo?

Facebooktwittermail

Segui l'Ufficio di PG sui social

Facebooktwitteryoutubeinstagram