Il 13 marzo la veglia diocesana Quaresima. Un tempo per «fare deserto»

Si celebrerà venerdì 13 marzo la veglia diocesana di Quaresima, che l’Arcivescovo presiederà assieme a tutti i gruppi di adolescenti e giovani che vorranno partecipare. Cresimandi, cresimati, gruppi scout e studenti universitari sono invitati in Cattedrale a Udine alle 20.30. Assieme alla “nuova” veglia vocazionale, la veglia quaresimale è uno dei due momenti dell’anno in cui adolescenti e giovani possono vivere un momento di preghiera in un contesto di Chiesa diocesana, assieme all’Arcivescovo.

La veglia avrà per titolo «Le sfide del deserto». Nell’itinerario diocesano di spiritualità 2019-2020 proprio il deserto sarà il luogo attorno al quale ruoterà la riflessione quaresimale. Il brano di riferimento saranno le tentazioni di Gesù nel Vangelo di Matteo (Mt 4,1-11), che consigliamo di leggere anticipatamente nei gruppi. Prima di iniziare la sua predicazione, Gesù viene spinto dallo Spirito nel deserto; è lì che satana offre diverse tentazioni, a cui Gesù ribatte colpo-su-colpo rimandando direttamente a Dio. Simbolicamente, fare esperienza di “deserto” significa, dunque, mettersi davanti a sé stessi e ritrovarsi… oppure perdersi.

Questo, in estrema sintesi, il motivo di riflessione della veglia del 13 marzo. Al termine della celebrazione chi lo desidererà potrà fermarsi in Cattedrale per le confessioni, oppure sostare in Cattedrale in preghiera davanti alla croce.

Avviso per i sacerdoti

I sacerdoti che desiderano partecipare sono invitati a presentarsi in sagrestia alcuni minuti prima dell’inizio della celebrazione, muniti di camice e stola viola. Agli stessi chiediamo anche la disponibilità a fermarsi dopo la veglia per le confessioni.

 

Per approfondire:

Vuoi condividere questo articolo?

Facebooktwittermail

Segui l'Ufficio di PG sui social

Facebooktwitteryoutubeinstagram