Coronavirus. La fede dei giovani è social? Creatività degli oratori e opportunità diocesane

Più abituati ai nuovi media, anche i giovani delle parrocchie friulane si stanno attrezzando per incontrarsi on-line, in questi giorni di forzato isolamento, e offrire pure a ragazzi e adolescenti occasioni per continuare a “camminare insieme”. Dal canto nostro, anche l’Ufficio diocesano di Pastorale Giovanile offre miriadi di opportunità per continuare ad alimentare la fiammella della fede in assenza forzata di Eucaristia e catechesi.

La vivacità “social” degli oratori

Ultimo aggiornamento: 30 marzo 2020

Sul sito web diocesano è presente una pagina in cui sono riepilogati tutti i siti web e i social media aperti dalle Foranie, dalle Collaborazioni Pastorali e dalle Parrocchie. Moltissimi di questi profili sono stati attivati dai gruppi giovanili e dagli oratori. E cosa si può scorgere su questi profili? Proviamo a dare un’occhiata.

  • La comunità di Mortegliano – con la casa di riposo «Italia Rovere Bianchi» – è stata particolarmente colpita dall’epidemia Coronavirus. L’oratorio si è attivato per un sostegno spirituale della situazione, coinvolgendo i più giovani in una preghiera virtuale per gli anziani della comunità. Gli animatori si “incontrano” settimanalmente sfruttando i mezzi di comunicazione e inventandosi modalità di interazione digitale con i ragazzi: Google form, WhatsApp, eccetera. La pagina Facebook dell’oratorio è molto vivace e da poco è attivo anche il profilo Instagram, sui cui sono state rilanciate l’iniziativa #andràtuttobene, le proposte diocesane e l’attività quaresimale di un “puzzle virtuale” da realizzare con i più piccoli.
  • A Sutrio i ragazzi delle medie, partecipanti alla MagicAvventura, nel giorno dell’Annunciazione hanno pregato assieme il rosario in videochiamata. I catechisti stanno pensando a forme di testimonianza – per esempio dal mondo Caritas – da diffondere tramite gli strumenti di comunicazione simultanea.
  • A Pagnacco e Plaino i catechisti e i parroci incontrano i bambini e i ragazzi del catechismo su Google meet, secondo un calendario diffuso via Facebook.
  • A Codroipo è stato creato un canale Telegram «Codroipo Giovani – Walk to God», che offre ogni giorno riflessioni e commenti;
  • In alcune Parrocchie gli oratori stanno registrando dei video-messaggi da far circolare tra i ragazzi (i primi sono stati Tavagnacco e Fagagna, come riportato sotto). Entrambi gli oratori sono molto attivi anche sui propri profili Facebook e Instagram, con piccole iniziative di coinvolgimento dei “propri” bambini e ragazzi.
  • Altri gruppi utilizzano principalmente Instagram. È il caso del gruppo animatori “Animasogni” di Rivignano che settimana dopo settimana sta creando diverse “challenge spirituali”, piccole sfide rivolte ai giovani del proprio territorio. È accaduto in occasione della III domenica di Quaresima, con la creazione – suggerita dalla PG – dell’«angolo della preghiera», così come per la preghiera serale di San Giuseppe.
  • Oltre a Rivignano, anche Remanzacco sta usando molto il suo profilo Instagram. In risposta all’invito diocesano, gli animatori di entrambi questi oratori hanno recepito la sfida diocesana di registrare alcuni brevi video-tutorial per spiegare ai più piccoli i lavoretti formativi previsti dalle catechesi in famiglia. Lo stesso dicasi a Basaldella, dove le ultime proposte diocesane sono state raccolte nella pagina Facebook dell’oratorio.
  • Interessante anche come l’iniziativa della preghiera scolastica «Dare precedenza» di Gemona si sia tramutata in una raccolta di filmati, inviati via WhatsApp, con inviti alla preghiera nonostante le limitazioni.
  • Tra le Foranie si distingue per attivismo la PG della Forania della Bassa Friulana, che ogni giorno sui propri canali – Facebook e Instagram – rilancia riflessioni e spunti di preghiera, oltre alle notizie del territorio. Lo stesso dicasi per i profili Facebook e Instagram della Pastorale Giovanile delle CP di San Giorgio di Nogaro e Torviscosa.
  • Una buona prassi è stata avviata nell’oratorio udinese di San Giuseppe, nel quale le riunioni degli animatori non si sono mai fermate. Anzi! Con sistemi di videochiamata si stanno già progettando le prossime iniziative dell’oratorio, una volta finita la “serrata”.

Chi abbiamo dimenticato? Ci sono altre creatività d’oratorio in fermento?


Il filmato degli animatori di Tavagnacco, registrato prima della chiusura totale delle attività


Il video registrato dagli animatori di Fagagna.

I social media diocesani

Assieme ai social media delle varie realtà diocesane – raccolti nella sezione “Corona virus” allestita sul sito web dell’Arcidiocesi -, la Pastorale Giovanile diocesana offre ogni giorno di Quaresima una “pillola di Vangelo” tramite quattro piattaforme social e un sistema di messaggistica. Non mancano, inoltre, news, quiz catechistici, rilanci di buone pratiche avviate nei territori. Dove? Ecco l’elenco dei social media della PG, a cui tutti siamo invitati a iscriverci.

  • YouTube: ogni settimana di “clausura” ecco in regalo una piccola video-riflessione sul Vangelo domenicale, con il commento da parte dell’Arcivescovo. Le voci dei lettori appartengono a diversi giovani del territorio diocesano. Eventuali eventi in diretta – come la veglia di Quaresima – saranno trasmessi su questo canale.
  • Instagram: ogni giorno uno “spuntino” di Vangelo tutto da gustare… e soprattutto meditare. Anche qui viene pubblicata la video-riflessione settimanale. La storia più bella? Quella che ci farà sentire vicini, in comunione. Non mancano le “challenge” e i quiz sul Vangelo.
  • Twitter: il più istituzionale tra i social media offre a sua volta il versetto giornaliero del Vangelo, da ritwittare a tutti i tuoi followers. Non mancano le informazioni più aggiornate.
  • Facebook: il social media per antonomasia offre spicchi di Vangelo e news da condividere e commentare. In più, ecco filmati e informazioni dal territorio. È la piattaforma su cui è più semplice far emergere la “rete” di spiritualità intessuta dalle Parrocchie friulane.
  • Telegram: sul canale PG di questo sistema di messaggistica ecco le notizie più fresche e aggiornate, oltre ai quotidiani versetti di Vangelo.

Per i catechisti? Le schede su WhatsApp

Se abbiamo doverosamente citato gli oratori, altrettanto doverosamente dobbiamo nominare tutti quei catechisti che si stanno prodigando in attività formative da remoto. Sono tantissimi, infatti, gli esempi di chi trasmette via WhatsApp ai genitori le schede in PDF e i filmati predisposti dal ns. ufficio assieme all’uff. catechistico e all’uff. famiglia. E sono già arrivati alcuni suggerimenti per migliorare questo servizio… ben vengano altre idee!

Vuoi condividere questo articolo?

Facebooktwittermail

Segui l'Ufficio di PG sui social

Facebooktwitteryoutubeinstagram