A Pordenone il percorso giovanile sui 10 comandamenti

In accordo con la Pastorale Giovanile della Diocesi di Concordia-Pordenone, rilanciamo con piacere una iniziativa promossa proprio dalla PG della destra Tagliamento: a partire da lunedì 9 aprile, infatti, la Parrocchia di Cristo Re (indirizzo in calce) ospiterà il percorso formativo sui “10 comandamenti”, la proposta di fede rivolta a giovani a partire dai 18 anni e diffusa in varie aree d’Italia. La partecipazione è libera e gratuita; non è necessaria l’iscrizione. Gli incontri si svolgeranno ogni lunedì sera.

 

Cos’è la proposta dei “10 comandamenti”?

Si tratta di un intenso cammino per rileggere la propria vita alla luce della Parola di Dio. La proposta dei “10 comandamenti” nacque 25 anni fa da un sacerdote della Diocesi di Roma, il quale attraverso il linguaggio didascalico-sapienziale e continui rimandi alla vita dei giovani partecipanti, propose un cammino con catechesi e ritiri spirituali sulla base del Decalogo, per passare “dalla legge alla grazia” e volgere lo sguardo sul Cristo crocifisso e risorto. Nata come percorso post-cresima, negli anni questa proposta è stata ripresa da centinaia di sacerdoti e religiosi d’Italia, convinti che l’intuizione di base sia un aiuto concreto per accompagnare i giovani alla scoperta della bellezza del credere.

 

Per partecipare dall’Arcidiocesi di Udine

La partecipazione è gratuita (salvo eventuali costi per i ritiri spirituali tipicamente previsti da questo itinerario) e non prevede iscrizioni. È sufficiente iniziare a frequentare gli incontri; inoltre, è possibile partecipare ai primi appuntamenti per capire in concreto le modalità e la profondità della proposta, valutando poi se continuare la frequentazione. È comunque possibile contattare l’ufficio di PG di Udine (faremo da “tramite” con gli amici pordenonesi) o direttamente la Pastorale Giovanile di Concordia-Pordenone (dieciparolepn@gmail.com) per comunicare la presenza.

Aggiornamento 5 aprile 2018: da Udine una persona ha già dato adesione. Per ottimizzare i trasporti, contatta quanto prima l’ufficio di PG.

 

Per approfondire:

Vuoi condividere questo articolo?

Facebooktwittermail

Segui l'Ufficio di PG sui social

Facebooktwitteryoutubeinstagram