Lavoro e finanza al tavolo di gennaio della SPES. Con date invertite e cambio di relatore

Aggiornamento 17 gennaio 2019

A causa di problemi familiari, il prof. Riccardo Puglisi non potrà partecipare all’incontro SPES del 24 gennaio. L’incontro si svolgerà regolarmente con la presenza del prof. Paolo Ermano, economista dell’Università di Udine. Ringraziamo il prof. Puglisi per la disponibilità e la gentilezza nella pronta comunicazione. Grazie anche al prof. Ermano per la disponibilità a sua volta dimostrata. L’articolo seguente è aggiornato.

«Lavoro e finanza» è il tema della due-giorni che la SPES propone a corsisti e uditori nel mese di gennaio 2020. Il primo incontro del decennio vedrà protagonisti due volti illustri del panorama etico-economico nazionale.

Segnaliamo che, per necessità di agenda, rispetto a quanto riportato nei materiali cartacei e nel programma on-line è stato necessario invertire le date dei due incontri.

Venerdì 24 gennaio si inizierà pertanto con Paolo Ermano, economista presso l’Università di Udine. Al prof. Ermano spetta la trattazione del tema «Scelte politiche e vincoli finanziari». Appuntamento, come di consueto, in via Treppo 5/B nei locali del centro culturale “Paolino d’Aquileia” a partire dalle 18.00. L’incontro, cui seguirà la cena, terminerà alle 21.00.

Sabato 25 gennaio sarà il turno di Paolo Benanti, francescano del terzo ordine regolare, teologo morale e bioeticista della Pontificia Università Gregoriana. Benanti offrirà una riflessione sul tema «Il futuro del lavoro: IA, robot… persone?». L’incontro si svolgerà dalle 9.00 alle 14.00, con pranzo a seguire.

Oltre agli iscritti alla SPES, la coppia di incontri è aperta anche agli uditori: per partecipare è necessario comunicare la propria presenza all’indirizzo spes@diocesiudine.it entro giovedì 23 gennaio. Il costo per gli uditori, comprensivo di materiali e pasti, è di 20 €.

 

I relatori dell’incontro di gennaio

Tratto dalla pagina dedicata ai relatori della SPES 2019-2020

Paolo Ermano

Docente di Economia Internazionale all’Università di Udine, Paolo Ermano. Ha conseguito il dottorato in Economia della complessità e creatività presso l’Università di Torino. Tra Udine, Torino e Verona ha svolto diverse ricerche post-dottorato. È membro del comitato organizzativo di “Conoscenza in festa” e ricercatore presso il Centro Studi “Impresa Lavoro” dell’Università di Udine. Collabora con la testata locale “Messaggero Veneto”.

 

Paolo Benanti tor

Francescano del Terzo Ordine Regolare, presbitero, docente presso la Pontificia Università Gregoriana, si occupa di etica, bioetica ed etica delle tecnologie. In particolare i suoi studi si focalizzano sulla gestione dell’innovazione: internet e l’impatto del Digital Age, le biotecnologie per il miglioramento umano e la biosicurezza, le neuroscienze e le neurotecnologie.

Vuoi condividere questo articolo?

Facebooktwittermail

Segui l'Ufficio di PG sui social

Facebooktwitteryoutubeinstagram