A scuola di Politica ed Etica sociale: iscrizioni al via per il secondo anno della Spes

Dopo il successo del primo anno la Spes, Scuola di Politica ed Etica sociale, voluta dalla Diocesi di Udine, ha già sfornato il ricco programma dell’offerta formativa del secondo anno di corso che aprirà i battenti venerdì 16 ottobre. Intanto sono aperte le iscrizioni, anche per chi non ha frequentato il primo anno di lezioni.

Uno spazio per approfondire i temi legati al bene comune e all’impegno civile. Un luogo dove confrontarsi e mettersi alla prova. È stato questo e molto altro ancora il primo anno di lezioni della Spes, la Scuola di Politica ed Etica sociale voluta e promossa dalla Pastorale della Cultura dell’Arcidiocesi di Udine, e ora – dopo il successo ottenuto – sono aperte le iscrizioni al secondo anno di corso a cui è ammesso anche chi non abbia frequentato il primo
 

Per chi è pensata la Spes?

 
La Spes è pensata per giovani che vogliono assumersi responsabilità politiche o amministrative nelle istituzioni locali, per nuovi amministratori e anche per amministratori di consolidata esperienza desiderosi di aggiornamento e rinnovamento. Il primo ambito di impegno, per il quale il percorso è concepito, è l’amministrazione comunale, senza però escludere altre forme di politico. 
 
L’iniziativa si propone come un luogo di imparzialità risetto alla contrapposizione partitica; la Scuola, infatti, vuole essere un terreno d’incontro tra le diverse sensibilità politiche, nel quale addestrarsi al dialogo costruttivo. Imparzialità non significa però neutralità, poiché il terreno d’incontro proposto è quello disegnato dall’insegnamento della Dottrina sociale della Chiesa, un patrimonio nel quale possono ritrovarsi «tutti gli uomini di buona volontà».
 

Quale il metodo di lavoro?

 
Si privilegia, per quanto possibile, un procedere induttivo: da alcuni problemi particolari (a partire da quelli che oggi un amministratore si ritrova più frequentemente e più faticosamente ad affrontare) all’evidenziare e chiarire i principi, le esigenze, i nodi concettuali. Non mancherà, comunque, la trattazione teorica di alcuni «fondamentali» dell’agire politico e del personalismo cristiano, guidata da relatori di altissimo profilo.
 
È inoltre prevede l’alternanza di diversi momenti formativi: lezioni frontali, laboratori e lavori di gruppo, tavole rotonde in cui incontrare alcuni attori della vita sociale, culturale, economica e politica del nostro territorio, conferenze pubbliche e tempi di spiritualità.
 
Basta un click qui per conoscere nel dettaglio il programma della Scuole e dunque la specifica offerta formativa.
 

Le collaborazioni

 
La Spes è realizzata in collaborazione con l’Ufficio nazionale per i Problemi sociali e il Lavoro della Conferenza Episcopale Italiana. La Scuola è sostenuta dalla Fondazione CRUP e dalla Fondazione arcivescovile
per le scuole cattoliche diocesane; gode inoltre del patrocinio dell’Università di Udine e dell’Anci Fvg.
 
 
 

Vuoi condividere questo articolo?

Facebooktwittermail

Segui l'Ufficio di PG sui social

Facebooktwitteryoutubeinstagram