🟢 PREADO – La mezuzah rivisitata per augurare buona Pasqua

Attività realizzata con: Ragazzi di V elementare e delle medie
Iniziativa organizzata a: Parrocchie di Mortegliano, Lavariano, Chiasiellis (CP di Mortegliano)

Di cosa si tratta?

I catechisti hanno coinvoto i ragazzi in un’attività da fare a casa, ma destinata a tutta la comunità… si è pensato perciò di realizzare un oggetto da donare il giorno di Pasqua come segno augurale. Il gruppo dei catechisti ha pensato di far realizzare ai ragazzi una “mezuzah rivisitata”.

Che cos’è la mezuzah? È un oggetto della tradizione ebraica: una pergamena sulla quale sono riportati i primi versi dello Shemà, la preghiera fondamentale della religione ebraica. Questa pergamena viene riposta in un piccolo contenitore e appesa sullo stipite della porta di casa.

Perché questa proposta?

  • Impegnare i ragazzi costretti a casa in un’attività manuale nell’ambito di un progetto di insieme;
  • Farli sentire protagonisti nella comunità parrocchiale e capaci di mettersi al servizio.

Quando è stata realizzata la proposta?

Durante la Quaresima (realizzazione della mezuzah) e il giorno di Pasqua (consegna).

Chi e come realizza la proposta?

È stato realizzato un video-tutorial inviato nei gruppi WhatsApp dei genitori, in cui erano illustrate le fasi per la costruzione e spiegato il significato. Ogni ragazzo dopo aver realizzato il “contenitore” ha scelto un brano di Vangelo da riportare nella pergamena per annunciare la gioia di Cristo Risorto e augurare Buona Pasqua.

Le mezuzah sono state raccolte, confezionate con un biglietto e distribuite alle famiglie presenti alla messa del giorno di Pasqua.

Feedback ottenuti

I ragazzi hanno partecipato costruendo circa un centinaio di mezuzah di diverse forme e colori dimostrando di aver messo a frutto tutta la loro creatività. Le persone presenti alla messa hanno apprezzato il gesto augurale, semplice ma significativo data anche la situazione che stiamo attraversando, alcuni hanno inviato ai catechisti un ringraziamento e la foto della mezuzah appesa alla loro porta.

Vuoi condividere questo articolo?

Facebooktwittermail

Segui l'Ufficio di PG sui social

Facebooktwitteryoutubeinstagram