I ragazzi di Sedegliano vincono la MagicAvventura 2016-2017

Con ben 427 punti-lumen, i ragazzi della Parrocchia di Sedegliano (foto in basso) si sono aggiudicati l’edizione 2016-2017 della MagicAvventura, intitolata “Astro Hunters – Cacciatori di speranza”. Visto il tema “stellare” della festa, ai vincitori va un ingresso omaggio al planetario dell’immaginario scientifico di Trieste. Al secondo posto si classificano i ragazzi di Buttrio, protagonisti di una annata costellata (è il caso di dirlo) di gesti di speranza. Sul terzo gradino di questo immaginario podio, ecco i ragazzi di Mortegliano, ai quali va una menzione particolare per aver realizzato l’àncora più bella.

 

Questo è l’esito della “gara di speranza” conclusasi domenica 23 aprile con la Festa diocesana dei Ragazzi, nella suggestiva cornice di Gemona del Friuli. La simbolica “competizione”, basata sulla metafora delle “stelle di speranza” ha fatto da sfondo alle attività che i 26 gruppi parrocchiali iscritti alla MagicAvventura hanno messo in atto durante tutto l’anno pastorale in corso, popolando una suggestiva Mappa Stellare ancora disponibile su questo sito. Una speranza destinata a proseguire, come è doveroso che sia, sulla scia di Cristo Risorto.

 

Moltissime le attività proposte dai vari gruppi: animazioni liturgiche in Parrocchia, in particolare in Avvento e Quaresima, collaborazioni nella colletta alimentare, realizzazione del presepe per la propria comunità, mercatini e collette pro Caritas locali, AIL, ecc., visite agli anziani della comunità, visite ai centri di ascolto foraniali, visite a centri di accoglienza di profughi e richiedenti asilo, incontri con l’UNITALSI, testimonianze speciali, gemellaggi con altre Parrocchie. I gruppi hanno accolto l’invito a mettersi in movimento, ad “alzarsi dal divano” (cit. Papa Francesco alla GMG di Cracovia) e scoprire – anche a 11-12-13 anni – che vicino alla propria casa trovano posto moltissime realtà di servizio al prossimo: sono opere di carità che generano speranza. Inoltre, in aggiunta a queste realtà già presenti, la libera iniziativa di molti catechisti ha permesso ai ragazzi di “inventarsi” piccoli servizi alla propria comunità, con un accento particolare alle fasce più disagiate: malati e anziani in primis. Qui stava uno dei segreti dell’iniziativa: non soltanto guardare la speranza, ma esserlo in prima persona.

 

La Festa dei Ragazzi ha visto partecipare circa 500 persone, compresi genitori e accompagnatori. L’Arcivescovo Andrea Bruno, nell’omelia della messa mattutina nel duomo di Gemona, ha ricordato che la speranza cristiana non può prescindere dalla fede nella risurrezione di Gesù. Infatti, «è incontrando Gesù risorto che Tommaso, l’apostolo incredulo, ha espresso la più grande delle professioni di fede: “Mio Signore e mio Dio”». Ricordando il Vangelo del giorno, l’Arcivescovo mons. Mazzocato ha invitato i ragazzi presenti a imitare questa professione di fede, «l’unica capace di generare speranza, perché Cristo ha dato speranza vincendo la morte.»

 

Dopo la Santa Messa del mattino, la Festa dei Ragazzi si è sviluppata attraverso una pregevole rappresentazione teatrale in cui Ben, un ragazzo appassionato di astronomia, scopre con sgomento che qualcuno sta spegnendo tutte le stelle del cielo. Il nemico si può sconfiggere soltanto accumulando “lumen”, ossia luci di speranza. Ed è ciò che i ragazzi della MagicAvventura hanno svolto durante tutto l’anno. Un suggestivo spettacolo degli sbandieratori di Palmanova ha concluso una giornata iniziata con la festosa accoglienza nella suggestiva cornice di via Bini, di fronte al duomo di Gemona.

 

Tornando alle premiazioni, una menzione speciale va al gruppo di Torreano di Cividale, vincitore dei giochi della giornata. Al secondo e al terzo posto si sono classificati, rispettivamente, i ragazzi di Remanzacco-Cerneglons e Rivignano-Teor-Pocenia.

 

Alcuni, doverosi, ringraziamenti: innanzitutto ai catechisti e agli animatori dei vari gruppi partecipanti alla Festa dei Ragazzi e/o alla MagicAvventura. Grazie anche agli animatori che hanno collaborato fin dal sabato pomeriggio nei workshop di preparazione della FdR. Grazie al Gruppo di gestione tecnica del Glemonensis, alla Parrocchia di Gemona. Grazie all’ufficio diocesano per la Pastorale della famiglia, curatore dello “spazio genitori”. Un sincero ringraziamento anche al Comune di Gemona del Friuli. Infine, un grazie di cuore al nostro Arcivescovo, mons. Andrea Bruno Mazzocato, da sempre vicino ai ragazzi e ai giovani.

Per approfondire:

Mappa stellare on-line
Foto dei workshop di sabato 22 aprile
Foto della Festa dei Ragazzi
Film della FdR (11 minuti)
Intervista a Valentina, catechista del gruppo di Sedegliano, vincitore della MagicAvventura

 

 

Vuoi condividere questo articolo?

Facebooktwittermail

Segui l'Ufficio di PG sui social

Facebooktwitteryoutubeinstagram