Giovani e “24 ore per il Signore”: le occasioni di preghiera in Diocesi a Udine

Nella Quaresima dell’Anno Santo Giubilare risuona l’invito che Papa Francesco e il nostro Arcivescovo rivolgono a tutte le comunità cristiane con l’iniziativa delle “24 ore per il Signore” che in comunione con tutta la Chiesa vivremo il prossimo 4 e 5 marzo. Si tratta di un momento (24 ore continuate, appunto) in cui ciascuno ha l’occasione di confessarsi e sostare in preghiera davanti all’Eucaristia, esposta in decine di chiese della nostra Arcidiocesi.

 

 

La Cattedrale di Udine, punto di incontro per gli studenti

 

In Cattedrale a Udine le “24 ore per il Signore” avranno inizio alle 20.30 con una celebrazione penitenziale aperta a tutti e presieduta dall’Arcivescovo. A partire dalle 23.00, ogni ora prevede il coinvolgimento speciale di un gruppo, una Parrocchia, un movimento. Proprio alle 23.00 sono invitati in modo particolare gli studenti universitari, compresi coloro che provengono da fuori sede e risiedono a Udine, i quali prima di rientrare nei loro luoghi di residenza hanno la possibilità di confessarsi e/o sostare in preghiera qualche tempo davanti al Santissimo Sacramento.

 

L’adorazione proseguirà tutta la notte e chiunque può approfittare per fermarsi qualche minuto in Cattedrale (magari al termine di una serata con gli amici).

 

Al mattino, dalle 7.00 alle 8.00, è prevista un’altra ora di disponibilità particolare per gli studenti, in particolar modo i frequentatori degli istituti superiori della città. L’occasione interessante consiste nel trascorrere qualche minuto in preghiera prima di andare a scuola, approfittando di questa speciale opportunità. Chissà che qualcuno non desideri prendere l’autobus in anticipo, o il pullman “che passa prima”, per poter dedicare 10 minuti della propria mattinata al rapporto con Gesù!

 

Per approfondire:

Il sussidio diocesano per le “24 ore per il Signore”
Le “24 ore per il Signore” nelle Foranie dell’Arcidiocesi.

Vuoi condividere questo articolo?

Facebooktwittermail

Segui l'Ufficio di PG sui social

Facebooktwitteryoutubeinstagram