«Chi ama chiama»: venerdì 8 maggio Bota fé in streaming con l’Arcivescovo

Scorrendo il calendario degli appuntamenti 2019-2020 di Pastorale Giovanile, falcidiato dall’emergenza COVID-19, saltano all’occhio le date “primaverili” del Bota fé fissato il 24 aprile scorso e, soprattutto, della veglia vocazionale prevista per venerdì 8 maggio. I due appuntamenti sono stati fusi in un’unica serata di preghiera, che si svolgerà proprio venerdì 8 maggio.

Proseguendo le misure preventive al contagio da Coronavirus, la veglia sarà trasmessa alle 20.30 sul canale YouTube della Pastorale Giovanile diocesana in diretta dal Seminario di Castellerio e sarà presieduta dall’Arcivescovo mons. Andrea Bruno Mazzocato.

Il tema della veglia

Titolo della serata sarà «Chi ama chiama». Sarà celebrata, in seminario e nelle case di chi vorrà connettersi, una preghiera mariana attorno al brano dell’annunciazione (Lc 1, 26-38), detto anche «la chiamata di Maria». La veglia, quindi, avrà uno sfondo mariano/vocazionale: interverranno, infatti, alcuni testimoni che aiuteranno ad attualizzare il brano biblico con spunti e domande legate alle dinamiche tipiche della vocazione.

La vocazione si manifesta innanzitutto nella quotidianità delle azioni di ogni giorno: l’ultimo dei “luoghi” del percorso Bota fé, infatti, è proprio la casa. È nelle azioni ordinarie che si manifesta quel “si” che, nella crescita e nella cura, è chiamato poi a maturare una scelta di vita in cui donare sé stessi. Prima di arrivare alla scelta vocazionale, tuttavia, vogliamo soffermarci sull’ordinarietà dei piccoli passi di vita buona che possiamo compiere ogni giorno.

Uniti nella preghiera

Durante la veglia sarà possibile intervenire da casa via WhatsApp, inviando una propria preghiera. Al termine di alcuni momenti, alcuni dei messaggi saranno letti, in forma anonima, diventando così la preghiera di tutti. Riteniamo essere un modo per sentirci ancor più in comunione, superando le distanze imposte da questo tempo.

 

Per approfondire:

Vuoi condividere questo articolo?

Facebooktwittermail

Segui l'Ufficio di PG sui social

Facebooktwitteryoutubeinstagram